25 giugno 2014

Charlot : un sorriso lungo 100 anni (e oltre)

Pubblicato in Il piacere di leggere (BookMix)

Esattamente 100 anni fa Charles Chaplin (noto come Charlie Chaplin) creava il suo personaggio più famoso: Charlot. Con lui si aprì una nuova era cinematografica e la nascita di un’icona indimenticabile.

Ho sempre amato questo personaggio: per la sua semplicità, il suo sorriso malinconico nascosto sotto quel baffetto simpatico. Bisogna ammettere che non è da tutti riuscire a comunicare senza l’uso della parola.

La Cineteca di Bologna ha organizzato un programma fitto di incontri e proiezioni dedicate al “vagabondo” (The Tramp) più famoso del mondo. Dal 25 al 28 giugno 2014 a Bologna si alterneranno convegni e spettacoli per approfondire la conoscenza di quella famosa bombetta che ha conquistato il cinema con la sua realistica comicità ed il suo sorriso spontaneo e sincero (leggete il programma completo dell’evento).

Charlot incarna quell’umanità e quel sentimento di pacifica rivalsa nei confronti di una società (quella degli anni ’30) in continua lotta verso il potere. Il suo messaggio sociale è muto, come il cinema che lui stesso rappresenta. Non ha bisogno di parole, perché l’intento è chiaro: svegliare gli animi della gente e ridare speranza a chi l’ha perduta attraverso una gaffe spiritosa, attraverso un sorriso limpido ed immediato.

Charlot : un sorriso lungo 100 anni (e oltre)

” Un giorno senza un sorriso è un giorno perso “

Fabio Stassi ha fatto rivivere il personaggio di Charlot attraverso il suo romanzo L’ultimo ballo di Charlot. Un ricordo emozionante di un personaggio che ci ha lasciato tanto. A mio avviso, questo romanzo di Stassi, è uno dei libri più belli letti nel 2013 e ve lo consiglio senza ombra di dubbio. Come potete vedere dalla foto qui sotto, ho talmente letto e sfogliato avidamente le pagine di questo romanzo, da rovinarne leggermente la copertina (e vi assicuro che non è da me in quanto, in genere, tendo a tenere i libri come delle reliquie!). Questo è sicuramente sinonimo di estremo gradimento :-)

Ho letto sulla rivista cinematografica “Lost Highway” (anno II, n. 1, marzo 2014) un bel riassunto della vita, delle opere e degli aneddoti di una vita tutt’altro che semplice. Quella di un uomo che ha lottato tanto per uscire dalla miseria e che successivamente ha dato tutta la sua vita affinché il suo pubblico riuscisse a catturare ciò che c’era di buono in quella macchina infernale chiamata “cinema”.

Come avrei voluto conoscere questo personaggio, come avrei voluto ammirarne da vicino le moine, la camminata buffa e le espressioni di aperto stupore. Purtroppo non è possibile, se non attraverso i suoi film in bianco e nero che emanano certamente più colore e gioia di tante altre pellicole moderne. L’unica parola che mi viene in mente pensando a Charlot è : GRAZIE !Charlot : un sorriso lungo 100 anni (e oltre)

Alessandra Voto© L’angolino di Ale – Riproduzione riservata 

  1. La lepre marzolina ha detto:

    adoro Charlie Chaplin!!!

  2. zillyfree ha detto:

    prendo il libro mi han convinto le tue parole e il personaggio è impossibile non amarlo! ciao Ale! :)

  3. jeiemerwin ha detto:

    Grande Charlie ;)

  4. afinebinario ha detto:

    Indimenticabile Chaplin.
    Una mimica unica per un personaggio che continua ad essere leggenda.
    Un abbraccio
    Affy

  5. TADS ha detto:

    Charlie Chaplin è andato oltre la cinematografia, oltre l’arte, oltre la creatività, è stato un “filosofo” alternativo, unico nel suo genere

    TADS

  6. Sono un po’ ignorante in materia purtroppo, ho visto Tempi Moderni e basta…
    Aspetto di leggere il libro di Stassi per cercare di conoscerlo un po’ meglio.

  7. Filippo ha detto:

    Tempi Moderni, con i suoi ingranaggi … fa parte di quel ristretto circolo di capolavori senza tempo, perché sempre attuali.
    Un secolo: buon compleanno!

  8. panelibrienuvole ha detto:

    Bel post celebrativo…sono convinta che Chaplin meriti in pieno i tributi che gli sono dedicati. Purtroppo io lo conosco poco, ho visto soltanto un paio di film. Ne sono rimasta colpita e affascinata, eppure nom ho proseguito nella conoscenza di questo autore, forse per pigrizia. :-(
    Ma le tue parole mi hanno fatto venire voglia di approfondire!
    Grazie e buona giornata!

  9. unododici ha detto:

    Sul mio blog sto periodicamente inserendo recensioni personali e filmati sui film in ordine cronologico. Inoltre ho postato altre cose, come la bellissima lettera che Chaplin spedi’ alla figlia Geraldine in occasione del Natale 1965. Anche io ho preso questa rivista e ho comprato il libro ieri. ;)

  10. mairitombako ha detto:

    non si dimentica una personalita cosi splendita e squisita
    serena serata con affetto

Potrebbero interessarti

Seguimi su instagram